Sono una frana all’Auditorium di Strada Nuova

L'Auditorium a Strada Nuova

Il nuovo spettacolo “Sono una Frana” di Alex Jones sarà messo in scena dal 21 fino al 23 marzo

alle 20.45 al Teatro Auditorium di Strada Nuova (Via Garibaldi, 18 ingresso da vico Boccanegra)è un debutto in prima nazionale a Genova, dopo le ottime recensioni inglesi.

Ad interpretare la giovane protagonista è la poliedrica Eleonora D'Urso che indosserà i panni di ben 14 personaggi che saranno in dialogo costante fra loro. Uno spettacolo ironico e toccante allo stesso tempo che riesce a far riflettere sulle nuove questioni educative che affliggono, in particolare, gli adolescenti.

Lisa ha 14 anni e la sua stanza è costantemente in disordine, un disordine che rispecchia la sua vita di adolescente, confusa e caotica, ma quella stanza dove non si riesce a trovare neanche un calzino è il suo avamposto, la sua trincea, il suo spazio per riflettere, il suo guscio in cui sparire e nascondersi quando tutto le crolla addosso.

Lisa parla direttamente al pubblico, con i ragazzi in sala che sono venuti a vederla, con gli spettatori curiosi e attenti, spettatori che sono sia genitori che figli. Il suo è un parlare sincero e schietto, fa di loro i suoi confidenti, con loro si confronta direttamente, chiede consigli, fa domande, abbattendo così la quarta parete teatrale e regalando al pubblico un'esperienza densa di significato.

Lisa è stufa, di una madre insegnante che non ha mai tempo per lei e che non capisce quella figlia che cambia umore ogni giorno. Una madre però "facile da fregare", poiché bastano due moine fatte al momento giusto ed ecco che si va a fare shopping e "la mamma si sente apposto con la coscienza!".

Lisa è stufa di quel padre prelibato cuoco, che non fa che cucinare piatti elaborati e ultra calorici, ma per fortuna Lisa ha delle "vere amiche" che le hanno insegnato che si può mangiare di tutto e non ingrassare, "basta vomitare subito dopo".

Lisa è stufa di ricevere tutti quegli sms che le dicono che è una bionda senza testa, una grassa e inutile "sciacquetta", e che farebbe meglio a togliersi dai piedi, tanto anche se sparisse per sempre a scuola non se ne accorgerebbe nessuno.

Quei messaggi sempre anonimi la fanno sentire uno zero assoluto.

Se poi ai messaggi si aggiungono le "finte amiche", che senza motivo un giorno cominciano ad evitarla, allora internet diventa un luogo sicuro e accogliente in cui fuggire, poiché solo in rete ci sono "gli amici quelli veri". Lisa così scopre che esistono dei siti dove quelli "sfigati" come lei si danno forza a vicenda e consigli su come "tagliarsi", perché in quel dolore che si prova si può sentire tutta la rabbia che vien fuori dal corpo. "Amici veri", che in una chat super privata si incoraggiano a farla finita, in un modo che però dovrà essere unico e plateale!

Lisa pensa alla morte, ma è anche innamorata, come tutte le ragazze della sua età. Innamorata persa di quel Carlo dai capelli rossi, che a scuola è snobbato da tutti perché violinista e amante della lettura. Carlo è "diverso", da tutti quei ragazzini che le girano intorno e che nei corridoi della scuola la guardano con occhi senza rispetto, occhi che "sporcano". Carlo non è come gli altri, usa parole "belle e nuove", parole colte, parla di rispetto, e di bellezza, e di musica, e di armonia. Come si fa a non innamorarsi di uno così? Anche se ha i capelli rossi!

Lisa si racconta al pubblico, è un fiume in piena, e con lei sulla scena, attraverso le sue parole, prendono vita la madre, il padre, le amiche, Carlo, il professore di religione detto Carogna, le ragazzine che la “bullizzano”, i genitori di Lucia, e la stessa Lucia, che di anoressia un giorno muore, perché nessuno a scuola si era accorto di quanto avesse bisogno di aiuto.

Lisa parla e il pubblico la ascolta, e non può che rimanere ammutolito dalla forza dirompente di questa adolescente che, proprio dinanzi agli occhi degli spettatori, impara che la vita è complicata ma va vissuta con coraggio, e che l'amore per la cultura, la lettura, lo studio, non fa di te un "diverso", ma una persona che sa prendersi cura di sé e degli altri, una persona che sa chiedere scusa, una persona che sa cos'è il rispetto, una persona che, nel caos della sua vita, sa dire ad alta voce: "Io da sola proprio non ce la faccio a mettere in ordine la mia stanza. Da sola no. Ho bisogno che qualcuno mi aiuti!".

Biglietto: 10-15 euro

Info e prenotazioni: cell. 3316149540 (bc)

ultimi articoli nelle categorie