Pro Recco di misura sul Brescia in Champions

È dolce la notte di Brescia: la Pro Recco vince 9-8 in casa dei lombardi, nella seconda giornata

di Champions League, e prosegue il suo cammino a punteggio pieno.

Il primo a gioire è il Brescia, in gol con Janovic dopo 70 secondi dal via. La Pro Recco non si scompone e pareggia subito con Di Fulvio in superiorità (espulso Figlioli). A metà tempo i campioni d'Italia imboccano la corsia di sorpasso e non la lasciano più: è Filipovic, da posizione 2, a trovare il diagonale sotto l'incrocio che lascia di sasso Del Lungo. Dall'altra parte Bijac è prodigioso sulla beduina di Muslim: al suono della prima sirena è 1-2 a Mompiano.

La squadra di Rudic allunga in avvio di secondo quarto: Filipovic sfrutta la sosta nel pozzetto di Bertoli, mentre Ivovic è glaciale nel trasformare il rigore concesso da Buch per il fallo di Nicholas Presciutti su Aicardi. Dopo 10 minuti senza subire reti, Bijac non può nulla sul bolide di Figlioli da posizione 3. La Pro Recco, però, è micidiale con l'uomo in più (3/3): Aicardi, appostato sul palo, tocca al volo l'assist di Velotto e fa 2-5. Bovo striglia i suoi e Guerrato, in superiorità, supera Bijac, poi ci pensa di nuovo Filipovic, a segno per la terza volta: diagonale chirurgico e squadre al cambio campo sul 3-6.

Si riparte e Velotto fulmina Del Lungo ancora con l'uomo in più. Il castello difensivo della Pro Recco vacilla sotto i colpi di Christian Presciutti, a segno due volte in superiorità. È il momento decisivo del match, Kayes mantiene il 100 per cento con l'uomo in più bucando Del Lungo, Bijac invece conserva e i campioni d'Italia chiudono il terzo parziale in vantaggio di tre gol.

Centroboa protagonisti in avvio di ultimo tempo: Muslim va in gol due volte con l'uomo in più, nel mezzo Aicardi si smarca da campione e si inventa una palombella che Del Lungo può solo guardare. Figlioli lo imita a tre minuti dal termine e il Brescia si ritrova a meno uno. L'ex biancoceleste potrebbe anche pareggiare a 50 secondi dalla fine, ma Bijac gli dice di no e all'ultima superiorità, con Molina nel pozzetto, Muslim pasticcia: la Pro Recco può esultare per tre punti d'oro nella corsa verso Hannover.

ultimi articoli nelle categorie