Vita da…Cagni

Gigi Cagni

Gigi Cagni, una vita nel mondo del calcio

Non è ancora finita la “storiella” di Gigi Cagni silurato rapidamente, senza particolari giustificazioni

alla Sampdoria. La domanda “perché” è stata per ora inevasa. E tutti sono ancora a chiedersi chi ma sia stato quel “santone”, quel “genio” che aveva pensato ad un “fatto altamente innovativo”, nel scegliere tre allenatori, ognuno per curare un reparto: un tecnico per la difesa, uno per l’attacco e perché no, forse anche uno per il centrocampo. E Zenga, che mai ci stava a fare, ancorchè, pagato profutamente?
Morale: tutto è andato a catafascio. E Cagni, vero allenatore, è stato preso per i fondelli. Ma come è stato possibile, si chiedono tutti, pensare ad una “innovazione” così straordinaria? Chi ha dato il “sì” a questa trovata? Noi poveri e…inesperti cronisti (quasi tutti) avevamo avanzato qualche perplessità, ma subito siamo stati tacciati di superficialità e incompetenza. Capito? Guarda caso, quello che i poveri inesperti cronisti avevano previsto, si è puntualmente avverato e il povero Gigi Cagni è stato tratto in trappola in modo davvero curioso. Lui è stato, come sempre, un signore: “Non me lo aspettavo, un fulmine a ciel sereno, ma rispetto le scelte”. Rispetta la scelta? E’, scusate, incazzato nero, altro che…
Ma il vero senso di questa decisione non è stata ancora tirata fuori: anzi, tutti a dire: “Niente di grave”, tutti amici, Zenga e Cagni, tutti d’accordo, ambiente sereno tra i giocatori e Cagni.
Ma non è così. Evidentemente i rapporti tra Zenga e Cagni non hanno funzionato (come noi poveri ed inesperti cronisti avevamo previsto), e poi questa innovazione a tre…ha fatto, scusate il detto, ridere i polli! Ma non basta un allenatore, non bastano istruttori, preparatori atletici, esperti tattici, psicologi e medici? Ci vogliono anche allenatori per i vari reparti? Finiremo ad avere anche un allenatore per i “panchinari”…
Ma chiudiamo e vorremmo che alla domanda “perché è successo” qualcuno seriamente e correttamente rispondesse. Almeno per rispetto a Gigi Cagni e ai tifosi…

Di VITTORIO SIRIANNI

Pin It

GenovaSì TV

Notizie

Cultura

Spettacoli

Sport