Colpo grosso della Pro Recco

Colpo grosso in Ungheria: la Pro Recco espugna Eger per 4-6 al termine di una

partita ruvida ma sempre in controllo.

Ancora privo di Tempesti e Sukno, Vujasinovic fa riposare Figari e schiera l'asso di coppa Ivovic.

La Bitskey Aladàr è una piscina tradizionalmente calda che però non mette in soggezione i biancocelesti. La Pro Recco passa dopo 140 secondi grazie a Molina che da posizione 5 infila Mitrovic con un diagonale perfetto. Palla al centro e l'Eger pareggia su rigore trasformato da Rasovic. Vujasinovic chiama il time out ed ecco arrivare il vantaggio con un'azione straordinaria concretizzata dal duetto Bodegas - Aicardi al centro. La controfuga di Di Fulvio, a cento secondi dalla sirena, vale il +2 Pro Recco.

Equilibrio nella prima metà del secondo tempo, rotto ancora da un rigore di Rasovic, il secondo, conquistato da Bedo. La reazione dei biancocelesti è veemente con Molina a bucare Mitrovic da posizione centrale e Ivovic a gonfiare la rete sfruttando la sosta nel pozzetto di Cuckovic. L'Eger però ha un Rasovic in serata di grazia che infila Volarevic, in doppia superiorità, nell'ultima azione offensiva degli ungheresi prima del cambio campo.

Si riparte e la Pro Recco va subito a segno alla prima azione: Di Fulvio imbecca Ivovic con un lancio millimetrico e il numero 7 non perdona. È ancora Rasovic, da posizione 5, a tenere a galla i suoi con un diagonale magistrale. Il 4-6 che chiude il terzo parziale non cambia negli ultimi otto minuti con i portieri in cattedra e i pali a respingere gli assalti offensivi delle due squadre. La Pro Recco torna a casa con tre punti preziosissimi.

ultimi articoli nelle categorie